Mafia, brugherese arrestato per favoreggiamento

pistola_mafia.jpg

Brugherio. Le accuse da cui dovrà e potrà difendersi sono pesantissime. Riciclaggio e favoreggiamento all'interno di una maxi operazione antimafia. Sono pesanti le accuse da cui deve difendersi un cittadino brugherese di 34 anni residente in città e messo agli arresti domiciliari dalle Fiamme gialle. 91 sono in totale le persone finite nel mirino del maxiblitz della Dda di Palermo.

Il brughese avrebbe aiutato una nota famiglia siciliana a riciclare denaro, assumendo in modo fittizio una donna alle proprie dipendenze. La collaborazione di lavoro si sarebbe svolta tra il 2011 e il 2013. Il trentaquatrenne sarebbe stato consapevole dell'attività criminale svolta dalla famiglia siciliana, da qui anche l'altra accusa di favoreggiamento. 

La Procura sta facendo luce su alcune aziende legate alla famiglia e con sede legale a Monza, attive nella produzione e commercializzazione del caffè.

You have no rights to post comments ##