Visita ortopedica: come si svolge e quando si deve fare?

Visita ortopedica: come si svolge e quando si deve fare?

Visita ortopedica: come si svolge e quando si deve fare? Una visita ortopedica è consigliata nel momento in cui iniziano ad accusare dei fastidi all'apparato muscolo-scheletrico. Si tratta di dolori che spesso interferiscono nella vita quotidiana in quanto non è più possibile svolgere diverse attività come., ad esempio, alzare e spostare oggetti pesanti. Per questo motivo è importante rivolgersi ad un ortopedico per evitare che alcuni traumi accidentali lievi si possano trasformare in patologie molto più gravi

Chi è l’ortopedico e di cosa si occupa

L'ortopedico è un medico specializzato in traumatologia e ortopedia ossia quel ramo della medicina che ha il compito di studiare le disfunzioni dell'apparato locomotore. Si tratta di tutto il sistema formato da ossa, muscoli, tendini e legamenti. L'ortopedia è quella disciplina che si occupa di ogni patologia legata all'apparato locomotore e alla traumatologia che si occupa delle lesioni da traumi ossia di eventi che hanno causato un danneggiamento nei tessuti. Quindi è possibile affermare che gli ortopedici hanno il compito di diagnosticare e trattare sia chirurgicamente che non, il sistema muscolo-scheletrico.

Quando effettuare una visita ortopedica

È importante rivolgersi ad un ortopedico nel momento in cui si presentano problemi ricorrenti in varie parti del corpo come: ginocchio, schiena, spalla, caviglia, ginocchio e articolazioni in generale.Nella maggior parte dei casi si è portati a sottovalutare lievi traumi e sintomi e per questo spesso si tende a non richiedere l'aiuto di uno specialista. Invece è importante sapere che è necessario riconoscere la sintomatologia in modo da trattare il problema soprattutto se è ricorrente e costante.

Ecco quali sono le patologie principali in cui è necessario richiedere l'aiuto di un ortopedico:

  • distorsioni e lussazioni
  • traumi contusivi
  • lesioni alle cartilagini
  • Artrosi
  • Strappi muscolari
  • Parestesia
  • mal di schiena.

Nella maggior parte dei casi la parte più sofferta è quella al ginocchio, alla schiena e alla spalla. Tutti noi prima o poi dobbiamo fare i conti con il dolore al ginocchio, che può dipendere da diversi fattori come problemi alla cartilagine, al menisco e molto altro. Il dolore alla spalla è molto diffuso perché è una delle parti del corpo con più mobilità. Anche il dolore alla schiena è molto frequente. Spesso è causato da posture scorrette ripetute per molte ore del giorno che influiscono negativamente sulla quotidianità delle persone. In linea di massima non vi sono indicazioni riguardo all'età in cui è necessario iniziare ad effettuare delle visite di controllo. In alcuni casi sono proprio i dottori a consigliare e raccomandare le visite nel caso in cui ad esempio si trovino di fronte a particolari patologie anche nei bambini.

In quali casi è consigliata una visita ortopedica

Una visita ortopedica è consigliata soltanto nel momento in cui un soggetto ha dolori costanti di una parte del corpo. Una delle condizioni più diffuse sicuramente è il mal di schiena. Diverse sono le cause che possono provocare questo tipo di dolore in quanto possono essere colpite 4 zone diverse della schiena tra cui:

- la zona cervicale

- la zona toracica

- la zona lombare

- la zona del Sacro e del coccige.

In questo caso risulta essere molto utile riuscire a distinguere la fonte del dolore così da identificare il problema molto più velocemente. Il dolore alle ossa è un qualcosa di molto profondo. In genere deriva da traumi come fratture, dolori ai legamenti, dolore ai legamenti, dolore alle articolazioni. Altre importanti problematiche al sistema locomotorio possono essere la presenza di gonfiori o difficoltà di movimento che dura da più di qualche giorno. Visto che l'apparato muscolo-scheletrico è molto vasto, e che molte sono le patologie correlate, non sempre è semplice capire se il dolore è temporaneo o nasconde dietro qualcosa di molto più serio. Per questo il consiglio da seguire è quello di rivolgersi al proprio medico di famiglia che avrà il compito di valutare il trattamento più adeguato. Molto spesso i sintomi che generano disturbi muscolo-scheletrici vengono giudicati come qualcosa di banale perché non porta il soggetto a sottoporsi a una visita specialistica. Per questo è molto importante riconoscere i sintomi così da capire se si tratta di un qualcosa di passeggero o che dura da parecchio tempo. Nel momento in cui si va ad ignorare un sintomo, si rischia di peggiorare la patologia. Inoltre è necessario eseguire una visita ortopedica quando un soggetto possiede uno dei seguenti fattori di rischio:

- sedentarietà;

- età maggiore di 50 anni;

- sport, lavoro e hobby in cui è necessario fare movimenti ripetitivi o sforzi eccessivi;

- recenti cadute che possono causare anche delle fratture.

Nella maggior parte dei casi i traumi sono presenti in soggetti giovani anche se i soggetti oltre i 70 anni sono comunque un quarto dei ricoveri nel settore ortopedico. In ogni caso, in caso di un trauma, è sempre molto importante prenotare una visita per essere sicuri che non siano coinvolti anche altri organi.

Come si svolge una visita ortopedica

L'ortopedico dovrà analizzare e valutare lo stato di salute del paziente attraverso una visita indolore e non invasiva. Prima di scegliere la strada dell'intervento chirurgico il suo compito sarà quello di utilizzare dei metodi meno invasivi come potrebbero essere l'uso di farmaci o terapie in centri specializzatii. Molto consigliate anche la fisioterapia e la riabilitazione soprattutto negli anziani o in coloro che hanno subito un trauma.

You have no rights to post comments ##